Le migliori bistecchiere: guida all’acquisto

Cittashop.it è il portale dedicato a chi intende acquistare prodotti per la casa e per la cura della persona, piccoli e grandi elettrodomestici. Al suo interno potete trovare molte informazioni utili, guide e tutorial, consigli per gli acquisti, recensioni degli esperti e opinioni degli utenti. Qui di seguito parliamo di un utensile che non può mancare in qualsiasi cucina, almeno in quelle degli amanti della carne: la bistecchiera.

 

Che cos’è la bistecchiera

Tutti, grossomodo, sanno cos’è una bistecchiera o ne hanno vista almeno una nella loro vita. Per i pochi che non lo sapessero, però, è utensile che consente di cuocere la carne. Rispetto alla padella, che rappresenta l’unica vera alternativa, in ambiente domestico, per la preparazione dei secondi (sia in umido che non) garantisce una cottura migliore e consente di cuocere la carne senza l’aggiunta di grassi (es. olio e burro). Dunque, chi utilizza la bistecchiera ha l’opportunità di consumare un pasto sano, meno pesante da digerire e – nei limiti imposti dalla “materia prima” – più dietetico.

Esistono varie tipologie di bistecchiera, ognuna delle quali è capace di apportare vantaggi o svantaggi, e adatta a specifiche stili di consumo.

 

Le tipologie di bistecchiera

In commercio esistono ben tre tipologie di bistecchiera, ciascuna delle quali si differenzia per composizione, alimentazione e resa finale.

Bistecchiera tradizionale

Le bistecchiere tradizionali sono le più diffuse in assoluto. Non sono elettriche, dunque va posta su un fornello, sia esso elettrico o a fiamma libera. Sono realizzata nella stragrande maggioranza dei casi in ghisa, una lega metallica simile all’acciaio, materiale che si distingue per le elevate capacità di conduzione del calore, nonché per una trasmissione più rapida dello stesso.

Rispetto alle pentola tradizionali, persino a quelle antiaderenti (più performanti), consentono una cottura più uniforme e totalmente priva di grassi aggiunti. I modelli standard sono dotati di una abbondante scanalatura, che ricorda un po’ la forma della griglia, il cui scopo è raccogliere i grassi prodotti dalla carna ed, eventualmente, farli fuoriuscire per mezzo di un beccuccio laterale.

Bistecchiera in pietra ollare

La bistecchiera in pietra ollare è una versione alternativa del modello tradizionale. Nemmeno essa, infatti, è “elettrica”, sicchè la cottura, anche in questo caso, avviene per mezzo di una fonte di calore esterna, che può essere una fiamma libera, una fiamma da gas, una piastra elettrica.

La particolarità della bistecchiera in pietra ollare consiste nel materiale con il quale è realizzata. La pietra ollare, appunto. Il suo pregio consiste nella capacità di trattenere a lungo il calore che ha assorbito esternamente, persino per una o due ore. In questo modo, si risparmia energia (o combustibile) ed è possibile continuare la cottura anche a fiamma o a fornello spento. Per questo motivo, viene utilizzata anche come piatto di portata. Infatti, la bistecchiera in pietra ollare è l’unico utensile che consente di consumare la carne mentre, in maniera lenta e innocua, sta ancora cuocendo.

Bistecchiera elettrica

La bistecchiera elettrica funziona per mezzo della corrente. Dunque, non è necessaria una fonte di calore esterna, sia essa una fiamma libera, una fiamma da gas o una piastra elettrica. E’ sufficiente collegata alla rete elettrica e il gioco è fatto. E’ realizzata in numerosi materiali, sebbene si preferisca, analogamente al modello tradizionale, la resistente ed efficace ghisa.

La bistecchiera elettrica è dotata di una doppia piastra, che consente letteralmente di “chiudere” la carne e consentire la contemporanea cottura dei due lati. Le bistecchiere elettriche sono le uniche dotate di funzioni aggiuntive, o addirittura di accessori, i quali valorizzano e rendono più comoda l’esperienza d’uso.

 

I vantaggi e gli svantaggi delle bistecchiere

Ovviamente, ciascuna tipologia comporta dei pro e dei contro

Vantaggi e svantaggi della bistecchiera tradizionale

Il vantaggio principale della bistecchiera tradizionale consiste nelle specifiche del materiale di cui è composta, ovvero la ghisa. Questa lega metallica, ampiamente utilizzata nella siderurgia e nella produzione di utensili, ha una conducibilità termica ottima. Le bistecchiere tradizionale, quindi, consentono di cuocere la carne in fretta e bene. Inoltre, la ghisa è di per sé antiaderente, dunque non è assolutamente necessario aggiungere in fase di cottura olio, burro o qualsiasi altro tipo di grasso.

L’unico vero svantaggio è il suo peso. In genere, infatti, è piuttosto pesante. Un particolare non da poco, se si considera che la bistecchiera va comunque “maneggiata” in fase di cottura, essendo questa vincolata all’uso di una fonte di calore esterna. Si segnala, poi, l’assenza totale di accessori o funzioni aggiuntive, le quali comunque sono appannaggio quasi esclusivo della bistecchiera elettrica. Infine, come tutte le bistecchiere (ad esclusione di una categoria) provoca fumo.

Vantaggi e svantaggi della bistecchiera in pietra ollare

Il vantaggio principale della bistecchiera in pietra ollare è la sua assoluta e totale antiaderenza. Per inciso, questa è una caratteristiche della pietra ollare. La bistecchiere in pietra ollare è molto più antiaderente rispetto alla bistecchiera tradizionale, che già offre ottime garanzie da questo punto di vista.

Inoltre, la pietra ollare è in grado di mantenere il calore a lungo, e consente di cuocere la carne anche dopo che la fiamma o la fonte di calore è stata spenta.

L’unico svantaggio risiede nella suscettibilità agli sbalzi termici e dalla necessità di adottare alcuni accorgimenti. Per esempio, prima di lavarla, è obbligatorio attendere molto tempo, ovvero quello necessaria affinché il calore si disperda. Infatti, se la si immerge in acqua subito dopo la cottura si rischia di rovinarla.

Vantaggi e svantaggi della bistecchiera elettrica

Questi sono i vantaggi della bistecchiera elettrica.

  • E’ antiaderente. Non è al livello della pietra ollare ma è antiaderente almeno quanto la bistecchiera tradizionale.
  • Non provoca fumo e riduce i cattivi odori. Il meccanismo di “chiusura”, determinato dalla presenza della doppia piastra, impedisce la propagazione del fumo e degli odori.
  • Non necessita di fonti di calore esterne. Funziona, infatti, grazie al semplice collegamento con la rete elettrica.

Per quanto riguarda gli svantaggi, l’unico in grado di provocare qualche fastidio è rappresentato dalla dimensione e dal peso. E’ infatti piuttosto ingombrante e pesa molto, persino di più della già pesante bistecchiera tradizionale.

 

Come scegliere la bistecchiera

Ecco alcuni dei criteri da prendere in considerazione quando si intende acquistare una bistecchiera

Tipologia

E’ il criterio che balza subito all’occhio. Quale scegliere tra la bistecchiere tradizionale, in pietra ollare ed elettrica?

  • La bistecchiera tradizionale rappresenta la scelta migliore se il vostro budget è limitato. E’ infatti la tipologia che costa di meno e, in ogni caso, si caratterizza per una ottima resa. La bistecchiera tradizionale è da preferire alle altre anche se avete penuria di spazio.
  • La bistecchiera in pietra ollare, visto il suo prezzo elevato, rappresenta l’alternativa da preferire se siete dei “fanatici della cottura”, ovvero se pretendete una carne cotta in maniera completamente omogenea.
  • La bistecchiere elettrica rappresenta una ottima scelta sempre e comunque. La cottura è ottima, la praticità d’uso è garantita – anche in virtù del fatto che non necessita di una fiamma. Tuttavia, dovete tenere conto di un aspetto: il costo, che è generalmente più alto rispetto a una bistecchiera tradizionale.

Dimensioni

Se le dimensioni rappresentano un elemento determinante nella scelta della bistecchiera soprattutto se avete problemi di spazio. In linea di massima, la bistecchiera elettrica è più ingombrante delle bistecchiere tradizionali e in pietra ollare.

I modelli più grandi, dunque appartenenti alla tipologia “elettrica” possono superare anche i 45 cm di larghezza e i 25 cm di profondità. Le bistecchiere elettriche più piccole, tuttavia, misurano “solo” 35 x 25 cm.

Aspetto delle piastre

Le piastre sono di due tipi: lisce e ondulate. Quelle lisce garantiscono una cottura più rapida, quelle ondulate garantiscono invece una piacevole grigliatura. Inoltre, le piastre lisce sono più facili da pulire. Per il resto, la scelta rientra nel campo della soggettività.

Vale la pena di sottolineare che in alcuni modelli “elettrici”, le piastre sono intercambiabili. In questi casi, però, il prezzo lievita in quanto le bistecchiere sono vendute, in genere, con almeno una piastra di riserva.

Potenza

Ovviamente, la potenza è un parametro che riguarda solo ed esclusivamente le bistecchiere elettriche. Nelle bistecchiere tradizionali e in quella con pietra ollare, la “potenza”, se così si può chiamare, è determinata dall’altezza della fiamma o dal livello su cui è impostato l’eventuale fornello elettrico.

Ritornato alle bistecchiere elettriche, quelle per uso domestico hanno una potenza compresa tra i 1000 e i 2400 W. La maggior parte delle bistecchiere elettriche, comunque, ha una potenza di 1500 W.

A una potenza maggiora, però, non corrispondono sempre e comunque prestazioni più elevate. Infatti, entrano in gioco numerosi fattori, come il materiale, la forma delle piastre etc. Se valorizzata da elementi di pregevole fattura, una bistecchiera di 1000 W può cuocere meglio e più in fretta di una bistecchiera di 1500 W.

Funzioni

Anche le funzioni aggiuntive sono esclusivo appannaggio delle bistecchiere elettriche. Oltre alla classica, nonché indispensabile, funzione ON / OFF si segnala l’eventuale presenza di altre funzioni. Ecco quali.

  • Regolazione della temperatura. Nelle bistecchiere elettriche più recenti, è possibile regolare direttamente la temperatura, in modo che sia il dispositivo a decidere la potenza più adeguata. La regolazione avviene per mezzo di una manopola. Le temperature più alte consentono una cottura completa, le temperature più basse sono compatibili invece con una cottura al sangue.
  • Selezione dei programmi. Sempre nei modelli più avveniristici, è possibile scegliere tra più programmi, ciascuno dei quali corrisponde a una specifica tipologia di cottura o alimento: al sangue, completa, per carne, per pesce, per hamburger, per toast etc.
  • Indicazione dello stato di cottura. Alcuni modello avvertono per mezzo di una spia luminosa quando la cottura è avvenuta. In questo modo, si azzera il rischio di bruciare i tipi.
  • Sensori. Alcuni modelli rilevano caratteristiche quali lo spessore e la consistenza della carne, e regolano la potenza di conseguenza.

 

Tabella dei prezzi

Prezzo
Bistecchiera tradizionale Da 10 a 80 euro
Bistecchiera a pietra ollare Da 30 a 100 euro
Bistecchiera elettrica Da 80 a 180 euro

 

Le migliori bistecchiere

Di seguito, descriviamo le bistecchiere dal migliori rapporto qualità prezzo, prendendo in considerazione tutte le tipologie attualmente in commercio.

 

La bistecchiera tradizionale dal miglior rapporto qualità prezzo: Sambonet Terra Cotto

Offerta
Sambonet Terra.Cotto - Bistecchiera Antiaderente in Ghisa, 32 x 26 x 4,5 cm - Colore Viola Ginepro
  • La bistecchiera in ghisa antiaderente della linea Terra. Cotto Samboneto presenta un'ottima conducibilità termica, il calore viene diffuso lentamente ed in modo omogeneo. Ideale per una cottura che esalta le proprietà organolettiche degli alimenti e favorisce il sapore delle pietanze
  • L'intera collezione è firmata dalla designer italiana Stefania Vasques
  • Nella confezione è incluso un ricettario orientato alla cucina tradizionale e slow food, contenente anche tutte le istruzioni per un corretto utilizzo e una corretta manutenzione della bistecchiera
  • La bistecchiera è adatta a: cottura a induzione, cottura elettrica, cottura vetro ceramica, cottura gas, forno Lavabile in lavastoviglie
  • Articolo consegnato: 1 x bistecchiera in ghisa + 1 x ricettario/manuale, 32x26 cm - altezza 4,5 cm, colore viola ginepro

La Sambonet Terra Cotto non è una bistecchiera tradizionale… Come le altre. In primo luogo, presenta un design particolare, opera della famosa designer Stefania Vasques. All’occorrenza, infatti, potrebbe persino valorizzare l’arredamento di una cucina e conferire ad essa un certo valore estetico.

Inoltre, è realizzata con la migliore ghisa in circolazione. Ciò le consente di vantare una conducibilità termica straordinaria: il calore viene diffuso con la massima omogeneità, garantendo una cottura completa e semplicemente perfetta. Da questo punto di vista, la Sambonet Terra Cotto offre prestazioni assimilabili, se non addirittura superiori, alle bistecchiere in pietra ollare. Ovviamente è completamente antiaderente: il cibo non si attacca anche se si utilizzano fiamme alte e si cuoce a temperature elevate.

Sambonet Terra Cotto è anche una bistecchiera versatile. Offre le medesime prestazioni a prescindere dal tipo di fonte su cui è adagiata. E’ perfetta per una cottura elettrica (ovvero sulla piastra), per una cottura con fiamma a gas, per una cottura a fiamma libera.

E’ anche facilmente lavabile. Si adegua, grazie alle sue misura standard, in un qualsiasi lavastoviglie.

Le sue dimensioni, infine, sono adeguate alla cottura qualsiasi tipo di carne, pollo, pesce etc: 32 x 26 x 4,5 cm.

Sambonet Terra Cotto è venduta insieme a un ricettario manuale, una gradevola aggiunta che certamente farà felice gli amanti della carne e del pesce.

 

La bistecchiera in pietra ollare dal miglior rapporto qualità prezzo: Euronovità Vulcanica

Offerta
Griglia bistecchiera vulcanica,con rivestimento in pietra, nera, 46x28x7 cm euronovità EN-22141
  • Padella,Griglia,bistecchiera 46 cm stone vulcanica rivestimento in pietra
  • Dimensioni piano cottura 26x35 cm.
  • Fondo adatto a piani di cottura a gas,elettrico,vetroceramica ed induzione
  • Pietanze fragranti, dalla cottura uniforme e dorata con quell'inimitabile aroma e sapore della cottura su pietra
  • Manici in silicone per una presa sicura senza le tradizionali presine

La Euronovità Vulcanica è una ottima bistecchiera in pietra ollare. Inoltre, è venduta a un prezzo molto basso, anche rispetto alla tipologia (sulla carta) meno costosa in circolazione, ossia la bistecchiera tradizionale.

La piastra è in pietra. Essa garantisce una cottura omogenea e iper-economica. Infatti, conserva il calore assorbito anche quando la fonte di calore è stata spenta. Il consumo di energia o di combustibile è quindi ridotto al minimo.

Il corpo della Euronovità Vulcanica è invece realizzato in alluminio pressofuso. Un materiale, questo, che si caratterizza per una solidità e resistenza simili a quelle dell’acciaio. I manici sono in silicone, un materiale isolante (per evitare scottature), leggero, economico e dalla soddisfacente resa estetica.

Euronovità Vulcanica, avendo la piastra in pietra, è una bistecchiera assolutamente antiaderente. La carne e il pesce non si attaccano alla padella in nessun caso, anche se vengono cotti a temperatura molte elevate.

Questa bistecchiera si adatta a qualsiasi fonte di calore: fiamma libera, fiamma a gas, piastra a induzione, piastra elettrica. Insomma, rappresenta l’utensile ideale per cuocere carne e pesce in fretta e bene.

La Euronovità Vulcanica ha un diametro molto ampio, pari a 46 cm.

 

La bistecchiera elettrica dal miglior rapporto qualità prezzo: Rowenta Optigrill

Offerta
Rowenta GR702D Optigrill Bistecchiera, 2000 W, Modalità Tostiera, 6 Programmi di Cottura Automatici
  • 6 programmi automatici specifici
  • Indicatore luminoso e sensore automatico per controllare il livello di cottura
  • 2000 W di potenza
  • Tostiera e grill
  • Termostato regolabile

La Rowenta Optigrill è una bistecchiera iper-tecnologica. Ecco le sue caratteristiche principali.

  • Efficacia. La Rowenta Optigrill è una bistecchiere elettrica dalle prestazioni elevatissime. Può vantare un efficacia straordinaria, determinata dalla presenza di feature interessanti, da un design intelligente e da una sapiente scelta dei materiali.
  • Potenza. La Rowenta Optigrill vanta una potenza straordinaria, pari a 2000 W, che la pongono tra le bistecchiere più potenti in assoluto. Tale potenza è valorizzata dalla presenza di altri elementi in grado di aumentare a dismisura l’efficacia.
  • Ampia selezione di programmi. La Rowenta Optigrill mette a disposizione sei programmi, ciascuno dei quali è indicato per la cottura di un cibo specifico: carne rossa, salsiccia, hamburger, pollame, pesce, sandwich.
  • Regolazione automatica. La Rowenta Optigrill  è dotata di avveniristici sensori che rilevano il numero dei pezzi adagiati sulla piastra, la loro consistenza e le loro caratteristiche, regolando la temperatura (coerentemente con il programma selezionato).
  • Design intelligente. Il lavoro di progettazione, in questo senso, è stato certosino. E’ davvero semplice da utilizzare, ed è un gioco da ragazzi aprire il coperchio e prendere i prezzi pronti, lasciando il resto a cuocere. Inoltre, la piastra è dotata di angoli a 7 gradi, che consentono il regolare deflusso del grasso e quindi una cottura più sana.
  • Ampia superficie di cottura. Le piastre hanno una superficie di 600 cm quadrati, più che sufficienti per coprire il fabbisogno di tre o quattro persone.