I migliori robot da cucina: guida all’acquisto

Cittashop è il portale dedicato ai piccoli e grandi elettrodomestici, agli articoli per la casa e la cura della persona. All’interno del sito potete trovare informazioni generali sui prodotti, guide all’acquisto e recensioni degli migliori modelli. Oggi parliamo di un piccolo elettrodomestico in grado di offrire un prezioso contributo alla creazione di piatti di qualsiasi tipo: il robot da cucina.

 

Che cos’è il robot da cucina

Il robot da cucina è un piccolo elettrodomestico molto versatile, la cui funzione è quella di trattare gli alimenti, prepararli alla cottura e, in alcuni casi, cuocerli direttamente. E’ ciò che nell’immaginario collettivo viene chiamato “Bimby”, sebbene con questo termine, ufficialmente, si indichi un prodotto specifico. Tuttavia, come avviene spesso in questi casi, il prodotto – proprio in virtù della sua fama e della sua diffusione – ha dato il nome all’intera categoria. Se è vero che il Bimby è stato il primo e il più importante robot da cucina, è altrettanto vero che nel corso degli ultimi anni molte aziende si sono inserite nel segmento, sicché oggi l’offerta appare piuttosto variegata.

Cosa fa, nello specifico, un robot da cucina? Dipende dal modello. In linea di massima, tutti i robot da cucina, come minimo, tagliano gli alimenti, li tritano, li frullano, li emulsionano. I modelli più completi, inoltre, impastano e provvedono direttamente alla cottura. Alla luce del numero estremamente alto di funzioni che il robot da cucina è in grado di ricoprire, esso è uno strumento universale, un alleato completo per chi vuole preparare piatti di qualsiasi tipo lasciando alcune tediose incombenze alla macchina.

 

Come scegliere il robot da cucina

Scegliere il robot da cucina non è semplice. In primo luogo, perché l’offerta è veramente ampia, popolata da decine e decine di modelli, i quali fanno riferimento ad approcci diversi. Alcuni si incentrano sulla preparazione di dolci, e quindi sono in grado di impastare; altri, più semplicemente, si limitano al taglio, con tutte le declinazione che ne derivano, qualificandosi come una sorta di frullatore multi-funzione. E’ bene, quindi, offrire una guida all’acquisto, che è poi una guida all’elettrodomestico in generale, più dettagliata possibile. Di seguito, tratteremo tutti gli elementi che caratterizzano il robot da cucina, e che possono rappresentare un criterio di scelta.

 

Le funzioni del robot da cucina

Il primo aspetto da analizzare è proprio quello delle funzioni. Due robot da cucina, infatti, potrebbero avere in comune solo il nome e poco altro, vista l’eterogeneità in termini di funzionalità. Di seguito, tutte le funzioni che un robot da cucina può ricoprire.

  • Affettamento. Questa funzione viene assolta mediante degli appositi dischi. Questi rappresentano degli accessori base, quindi sono presenti in tutti i robot da cucina. Tanto più il robot da cucina è completo, quanti saranno i dischi. Ciò perché dischi di misura diversa producono fette di spessore diverso.
  • Grattugiamento. Stesso discoro per la funzione che consente di grattugiare i cibi. Anche qui, sono protagonisti dei dischi, i quali possono essere più di uno, e di caratteristiche diverse.
  • Impastamento. Esso viene realizzato mediante delle lame. Il robot da cucina impastano alla perfezione, quindi velocizzano la preparazione di dolci e pizza. Tuttavia, almeno da questo punto di vista, non possono essere paragonati alle impastatrici planetarie.
  • Trituramento. Tutti i robot da cucina sono in grado di tritare. Alcuni, però, contengono delle lame ad “esse” in acciaio inox che sono in grado di produrre un trito particolarmente fine.
  • Frullo. Anche in questo caso, siamo di fronte a una funzione che tutti i robot da cucina sono in grado di espletare. A seconda della potenza, però, il frullato è più o meno denso.
  • Emulsione. I robot da cucina assolvono anche a questa funzione. Alcuni esemplari, però, sono dotati di frusta (a volte doppia) per una emulsione più efficace.
  • Spremitura. E’ sufficiente posizionare l’agrume o il frutto (purché sia succoso) all’interno del robot e il gioco è fatto.

Il consiglio, quindi, è di valutare le proprie esigenze, prima di procedere all’acquisto. Una volta capito di cosa si ha bisogno, si andrà a cercare un robot da cucina che abbia le funzioni corrispondente alle proprie necessità.

 

La potenza del robot da cucina

Anche la potenza è un fattore decisivo, quando si deve scegliere un buon robot da cucina. Essa può essere divisa, a sua volta, in due elementi.

  • Numero di watt. Grazie al numero di watt, che in genere sono riportati nelle specifiche del prodotto, è possibile conoscere la potenza del robot da cucina. Ovviamente, maggiore è la potenza migliore è il risultato. D’altronde, per realizzare tutte le funzioni che abbiamo descritto nel paragrafo precedente è necessaria una certa potenza. Ad ogni modo, un valore medio potrebbe essere 600 W: un robot da cucina in grado di esprimere questo numero di watt, quindi, si caratterizza per una potenza buona, soddisfacente. I modelli più performanti, comunque, raggiungono anche gli 800-1000 W. In questo caso, è possibile tritare persino il ghiaccio.
  •  La velocità. Essa è diretta espressione della potenza. Un apparecchio potente, giocoforza, non potrà che esprimere una velocità sopra la media. Ciò che conta, appurato questo aspetto, è però la modulazione di questa velocità, ovvero quanti livelli di velocità mette a disposizione il robot da cucina. Poter usufruire di più livelli è essenziale per riuscire ad adattare l’azione del robot da cucina alla tipologia di alimento che si intende trattare. I robot da cucina meno complessi mettono a disposizione due, al massimo tre livelli di velocità. I robot da cucina più performanti, invece, abbondano da questo punto di vista e possono arrivare a contarne anche una dozzina.

 

Le dimensioni del robot da cucina

Il fattore “dimensione” è fondamentale, quando si sta per scegliere un robot da cucina. I motivi sono due.

  • L’ingombro. In questo caso, ovviamente, si parla di dimensioni di tutta la macchina, ossia lo spazio che occupa in cucina. Ebbene, è necessario che sia poco ingombrante, sempre nei limiti del possibile, in modo da non creare fastidio. Ciò dipende, a dire il vero, dal lavoro di progettazione che c’è dietro alla realizzazione di qualsiasi robot da cucina, e nello specifico al lavoro di ottimizzazione dei componenti.
  • La capienza. Questo è un fattore fondamentale, ma solo in alcuni casi. Dipende, infatti, dal numero di persone per cui si suole cucinare. Se in famiglia siete in tanti, e quindi giocoforza si preparano portate di grosse dimensioni, dovreste dirigervi verso modelli particolarmente capienti. Occorre, inoltre, considerare che ciascun accessorio potrebbe avere una sua propria capienza, diversa da quella degli altri accessori. Il robot da cucina medio, per esempio, ha un frullatore dal volume di 1,5 litri.

 

Facilità di utilizzo

La facilità di utilizzo è un fattore che attiene al design, se questo è improntato alla funzionalità e non esclusivamente all’estetica. Cosa rende un robot da cucina semplice da utilizzare? La presenza di alcuni elementi. Ecco quali.

  • Piedini. Tutti i robot da cucina, a prescindere dalla loro potenza, sono soggetti a movimenti bruschi e casuali quando entrano in funzione. Dunque, il rischio è che si muovano lungo il piano e, nella peggiore delle ipotesi, cadano per terra, con tutte le conseguenze del caso. La presenza dei piedini, meglio se in gomma (e quindi in grado di generare attrito), scongiurano questa eventualità.
  • Vano raccoglicavo. I cavi sono fastidiosi, e lo sono in riferimento a qualsiasi elettrodomestico, piccolo o grande che sia. Il vano raccoglicavo ha esattamente la funzione di ridurre al minimo questo fastidio, concretizzando uno spazio per poggiare i cavi, sia quando la macchina è in funzione sia quando è spenta.
  • Porta accessori. Come abbiamo visto, gli accessori possono essere numerosi. Ovviamente, anche loro sono responsabili di un certo ingombro, dunque capaci di generare una certa sensazione di disordine. Ebbene, il contenitore porta accessori ha lo scopo di ovviare a un tale problema.

Infine, un robot da cucina è semplice da utilizzare solo se… E’ semplice da montare. Nello specifico, se è semplice e intuitivo montare gli accessori. D’altronde, l’utilizzo del robot da cucina, e la sua capacità di imporsi come il “tuttofare della cucina” dipende proprio dalla presenza dei vari accessori.

 

Il prezzo dei robot da cucina

E’ fuor di dubbio che anche il prezzo incida sulla scelta. Anzi, forse è l’elemento che incide maggiormente. Ciò vale per tutti gli elettrodomestici, ma a maggior ragione per i robot da cucina, che sono caratterizzati da una eterogeneità di prezzo davvero notevole. Alcuni robot, per esempio, costano il triplo o il quadruplo di altri. Tuttavia, è bene pensarci due volte prima di acquistare una macchina solo perché il prezzo è basso. Spesso, a un prezzo ridotto corrisponde un numero altrettanto ridotto di funzionalità, e ciò potrebbe fortemente compromettere l’esperienza di utilizzo.

In genere, però, è bene sapere che i robot da cucina di fascia bassa costano sugli 80 euro, quelli di fascia media arrivano a 100-150 euro, mentre i robot di fascia alta superano abbondantemente questa cifra.

 

Tabelle di prezzo

Prezzo Potenza
Fascia bassa Fino a 80 euro Pari o inferiore a 750 W
Fascia media Da 80 a 150 euro Da 750 a 1000 W
Fascia alta Da 150 euro in su Da 1000 W in su

 

 

 

I migliori modelli i robot da cucina

Analizziamo ora i migliori robot da cucina per fascia di prezzo.

 

Il miglior robot da cucina di fascia alta: Kenwood Multipro Sense FPM800

Kenwood FPM800 Multi Pro Sense Robot da Cucina
  • Compreso di un contenitore ancora più grande per avere una facile gestione degli alimenti e cucinare maggiori quantità di cibo
  • frullatore termoresistente
  • Nuovi accessori brevettati
  • diverse velocità selezionabili

Il Kenwood Multipro Sense FPM800 è uno dei robot da cucina migliori in assoluto. E’ un multifunzione nel vero senso della parola. Semplicemente, fa tutto. Ci riesce in virtù di una potenza nettamente sopra la media, che infatti raggiunge abbondantemente i 1000 W. Grazie a tale potenza, è capace di generare una velocità straordinaria, pari a 800 giri al minuto. Ad ogni modo, la velocità può essere regolata a proprio piacimento, anche perché è suddivisa in otto livelli differenti.

Per quanto riguarda il numero di funzioni e accessori, il Kenwood Multipro Sense FPM800 si posiziona al top di gamma. Si tratta, infatti, di una macchina estremamente versatile, in grado di offrire un contributo importante, se non decisivo, nella preparazione di qualsiasi piatto. Questo robot da cucina, tra le altre cose, è capace di tagliate, affettare, tritare, impastare, spremere. Ecco una lista esaustiva di tutti gli accessori in dotazione:

  • Dischi per affettare
  • Dischi per grattugiare
  • Dischi per taglio alla Julienne
  • Lama impastatrice
  • Lame ad Esse per triturare
  • Doppia frusta
  • Frullatore
  • Spremiagrumi

Il Kenwood Multipro Sense FPM800 può contare, inoltre, su un food processor, il quale consente addirittura di cuocere i cibi.

Ciò che stupisce di questo robot da cucina è anche il suo design, che riesce nell’impresa di coniugare una enorme capienza a un ingombro minimo. Il frullatore, per esempio, ha una capienza di 1,8 litri, che è più che sufficiente per soddisfare le necessità di famiglie anche numerose. Il food processor, invece, ha un contenitore di 3,5 litri. Nonostante questi numeri, che suggeriscono una capienza ottima, l’apparecchio è poco ingombrante: misura 23 cm in larghezza, 40 cm in profondità e altrettanti in altezza.

Nonostante sia una macchina iper-tecnologica, è molto semplice da utilizzare. L’utilizzo è reso più semplice e lineare anche dalla presenza di determinati accessori, come i piedini n gomma, il vano raccogli cavo e il contenitore porta accessori. Si apprezza, poi, una certa facilità di montaggio degli accessori, che in questo caso si rivela una operazione davvero intuitiva.

 

Il miglior robot da cucina di fascia media: Kenwood Multipro Compact FPM260

Offerta
Kenwood FPM260 Multi Pro Compact Robot da Cucina
  • Potenza: 750 watt
  • Due velocità più funzione a impulso
  • Funzioni: Frullatore, spremiagrumi, tritatutto
  • Accessori inclusi

Il Kenwood Multipro Compact FPM260 è un robot da cucina di fascia media, che tuttavia, da un certo punto di vista, raggiunge il livello dei migliori apparecchi in commercio (anche di quelli di gran lunga più costosi). Tale “punto di vista” corrisponde al numero di funzioni, che sono davvero tante. Con questo robot da cucina si può fare davvero tutto. Ecco, per riassumere, gli accessori in dotazione con il Kenwood Multipro Compact FPM260:

  • Dischi per affettare
  • Dischi per grattuggiare
  • Lama impastatrice
  • Lama ad Esse
  • Doppia frusta
  • Food Processor
  • Frullatore
  • Spremiagrumi

Insomma, sotto questo profilo, non ci sono differenze tra il Kenwood Multipro Compact FPM260 e il Kenwood Multipro Sense FPM800. Dunque, cosa giustifica una così rilevante differenza di prezzo? In primo luogo, la volontà dell’azienda di offrire un prodotto poco costoso ma allo stesso tempo efficiente. Secondariamente, la potenza. Il Multipro Compact, infatti, è sensibilmente meno potente. Lo si evince dalle specifiche tecniche, che riportano 750 W, ma lo si evince anche dalla prova pratica. Ciononostante, rispetto ai robot da cucina della sua categoria, si rivela davvero performante. L’unico accorgimento riguarda i cibi più duri, che è bene siano trattati preliminarmente a parte, prima di essere inseriti nella macchina.

Uno dei tanti pregi di questo robot da cucina sono le dimensioni: queste sono ridotte, senza però nulla togliere alla capienza. L’ingombro è minimo, come dimostrano le misure dell’apparecchio: 20 cm di larghezza, 20 cm di profondità, 40 cm di altezza. Il tutto per un peso che non supera i 4 kg. Ciononostante, la capienza è più che soddisfacente: il contenitore per il Food Processor è di 2,1 litri, il frullatore ha invece una capienza di 1,2 litri.

Infine, come da tradizione Kenwood, la macchina è molto semplice da utilizzare. A contribuire alla linearità e alla comodità dell’esperienza di utilizzo, anche la presenza del vano raccoglicavo, dei piedini anti-spostamento e del porta accessori.

 

Il miglior robot da cucina di fascia bassa: Philips HR7761/00 Viva Collection

Philips HR7761/00 Robot da cucina 3 in 1, Multifunzione con Frullatore + Tritatutto, 750 W- Viva Collection -
  • Tecnologia PowerChop + 10 Accessori per oltre 28 Funzioni
  • Motore 750 W + 2 Impostazioni della velocità/Funzione Pulse + Recipiente 2,1 L
  • Frullatore + Tritatutto
  • Lama S mezzaluna affilata e robusta in acciaio inox - Montare, Triturare, Sbriciolare, Tagliare, Ripiegare, Schiacciare, Tritare
  • 5 Dischi in acciaio inox ad alte prestazioni - Triturare, Sminuzzare, Affettare

Il Philips HR7761/00 Viva Collection è uno dei meno costosi robot da cucina in circolazione. E’ possibile acquistarlo, infatti, con meno di 80 euro. Questo prezzo così alla portata di mano potrebbe far pensare a prestazioni scadenti, o mediocri. Ebbene, non è affatto così: questo robot da cucina della Philips è in grado di esprimere standard qualitativi elevati, sebbene sconti il prezzo basso sul numero di funzioni, che è leggermente inferiore a quelli dei migliori modelli in circolazione. Per esempio, troviamo anche qui i dischi per affettare e grattugiare, le lame per tritare, i contenitori per processare il cibo e frullare. Ma, per esempio, la più efficiente frusta è sostituita da un comunque discreto disco emulsionante.

Per quanto riguarda la potenza, essa è più che sufficiente per soddisfare le esigenze di chiunque. Come da specifiche tecniche, il Philips HR7761/00 Viva Collection ha una potenza di 750 W. Essa esprime una velocità di lame e dischi più che buona, la quale è modulata in due velocità. Da segnalare è anche la modalità Pulse, che converte il moto delle lame e dei dischi da continuo a discontinuo, a impulsi appunto (può essere utile in caso di cibo particolarmente duro).

La capienza, infine, è ottima. Il frullatore ha una capienza di 1,5 litri, mentre il tritatutto ha una capienza assai più ridotta: 0,25 litri. E’ comunque un robot molto compatto, che ingombra pochissimo.

Anche in questo caso troviamo il vano raccoglicavo e il piedini anti-scivolo. Manca però il contenitore porta accessori.

Infine, va lodata la facilità di utilizzo, simboleggiata da un montaggio degli accessori piuttosto intuitivo.