I migliori frigoriferi: guida all’acquisto


Cittashop.it è il portale dedicato a chi vuole acquistare piccoli e grandi elettrodomestici, articoli per la casa e altre utilità. Trovate guide all’acquisto, informazioni specifiche e tutto ciò che vi serve per effettuare una scelta adeguate alle vostre esigenze. Oggi parliamo di frigoriferi, elettrodomestici di uso comune, indispensabili per la vita di ognuno. Tratteremo le varie tipologie, esporremo gli elementi da prendere in considerazione durante la fase di scelta e infine recensiremo i modelli più interessanti.

 

Che cos’è il frigorifero?

Il frigorifero è una presenza costante nelle case degli italiani da ormai molti decenni. Pochi, però, conoscono il suo funzionamento. Esso è incentrato sul principio del ciclo frigorifero. Tutto parte dalla compressione e il conseguente riscaldamento del gas refrigerante, che può essere l’ammoniaca, il freon o l’isobutano. Successivamente, grazie a una valvola di espansione, il gas viene fatto raffreddare fino a raggiungere temperature ampiamente al di sotto dello zero e trasferito a una serpentina fredda (posta nel lato posteriore). In questa fase, il gas espanso e raffreddato assorbe il calore dal sistema, quindi dal comparto del frigorifero, abbassando la temperature di quest’ultimo. Una volta riscaldato, il gas ritorna nella valvola di espansione e ripete il ciclo, disperdendo però un po’ di calore nell’ambiente.

Nonostante il principio di funzionamento sia lo stesso per tutti i frigoriferi, esistono differenze sostanziali tra una tipologia e l’altra. Ciò dipende principalmente dalla presenza di elementi aggiuntivi in grado di esercitare diverse funzioni. Ecco i pregi e i difetti di ciascuna tipologia.

 

Il frigorifero statico: vantaggi e svantaggi

E’ il classico frigorifero, la tipologia più presente nelle case degli italiani. Il termine “statico” deriva dall’assenza di strumenti in grado di muovere l’aria. Il ciclo frigorifero avviene nel modo tradizionale, senza elementi capaci di ottimizzarne i risultati. I frigoriferi statici, rispetto alle altre tipologie, hanno dei vantaggi e degli svantaggi. Ecco le loro caratteristiche più tipiche.

  • I livelli di umidità sono sostenuti. L’assenza di qualsivoglia sistema di ventilazione consente all’umidità di svilupparsi naturalmente. Questo può causare alcuni problemi ma rende il frigorifero statico particolarmente adatto alla conservazione di alimenti freschi come frutta e verdura.
  • Raggiunge la temperatura desiderata in maniera piuttosto rapida.
  • La temperatura non è omogenea. Non essendoci alcun sistema di ventilazione, il calore si deposita secondo in modo fisiologico, sicché alcune zone sono più fredde di altre (in genere gli scompartimenti posti in basso).
  • Va sbrinato regolarmente. I livelli di umidità sono sostenuti, sicché il frigorifero statico produce ghiaccio.

 

Il frigorifero no frost: pregi e difetti

  • Buona parte dei frigoriferi di ultima generazione sono “no frost”. Come suggerisce il nome, non producono ghiaccio. Questa però non è la loro unica caratteristica.
  • Non va sbrinato. Dal momento che non produce ghiaccio, il frigorifero no frost non necessita di sbrinatura. Il merito è di una ventola che, facendo circolare l’aria in modo continuo e omogeneo, abbassa i livelli di umidità e impedisce la formazione del ghiaccio.
  • La temperatura è omogenea. La presenza della ventola, e di una migliore distribuzione del calore, rende la temperatura del vano più omogenea.
  • I livelli di umidità sono contenuti. Questo è un pregio, se si guarda all’omogeneità della temperatura e allo sbrinamento, ma è anche un difetto. Infatti, i livelli di umidità bassi non sono adatti alla conservazione di alimenti freschi come frutta e verdura.
  • I consumi sono più alti. La ventola richiede ovviamente energia elettrica per funzionare e ciò fa alzare i consumi.
  • Il prezzo è mediamente più elevato. I frigoriferi no frost, in virtù di una tecnologia più avanzata e della presenza di numerosi componenti, costano in media il 20 o 30% rispetti ai frigoriferi statici.
  • Sono meno capienti.

 

Il frigorifero ventilato: pro e contro

Questa tipologia si pone a metà strada tra il frigorifero statico e il frigorifero no frost. Assume i difetti e i pregi dell’uno e dell’altro modello. Ecco le sue caratteristiche tipiche.

  • La temperatura è omogenea. Grazie alla presenza della ventola, l’aria viene distribuita in maniera più regolare, rendendo la temperatura del vano molto omogenea (proprio come il no frost).
  • Il livello di umidità è sostenuto. Nonostante la presenza della ventola, il frigorifero ventilato genera livelli di umidità accettabile, simili a quelli del frigorifero statico. E’ quindi adatto a conservare per lunghi periodi alimenti e cibi freschi, piuttosto che confezionati.
  • Va sbrinato. Il ventilato non è dotato di sistema non frost quindi produce ghiaccio, sebbene in misura minore di quanto faccia la tipologia statica.

 

Altre tipologie

La distinzione tra statico, no frost e ventilato è la più importante, ma ne esistono altre. Per esempio, in base alla disposizione degli scompartimenti e il numero di porte.

  • Frigoriferi monoporta. Sono a forma di parallelepipedo allungato, con uno sportello unico posto anteriormente. La temperatura all’interno varia tra i 4 e i 9 gradi. La capienza è assai variabile e va da un minimo di 50 litri fino a un massimo di 360 litri (e più). Il consumo energetico è il più alto tra tutte le tipologie, le prestazioni sono in genere da classe A+. Non sono dotati di congelatore.
  • Frigoriferi doppia porta. Il frigorifero è dotato di due sporteli, quindi di due comparti principali. Sono posti una sopra l’altro, uno funge da frigo e l’altro da congelatore. Il rapporto in termini di capienza è, in genere, di 3 a 1. Il consumo è sensibilmente più alto, anche perché sono presenti due motori.
  • Frigoriferi combinati. Simile alla doppia porta, almeno esteticamente, differiscono da quest’ultimo per la presenza di un solo motore. Questo alimento sia il frigo che il congelatore. Il prezzo sale, ma i consumi diminuiscono notevolmente.
  • Frigoriferi side by side. E’ il classico frigorifero “all’americana”. Le differenze rispetto alle alte tipologie sono quasi esclusivamente di tipo estetico. Appare infatti come una specie di armadio a due ante. La sua caratteristica principale è la capienza (a cui si accompagna un certo ingombro).

 

Come scegliere il frigorifero

Alcuni frigoriferi sono più performanti di altri. Non è detto, però, che il più performante sia anche il più adatto alle tue esigenze. Come abbiamo visto, le tipologie sono numerose e rispondono a bisogni specifici. Il processo di scelta, come per qualsiasi elettrodomestico complesso, è quindi piuttosto difficile. Ti suggeriamo gli elementi che devi prendere in considerazione quando stai per acquistare un frigorifero.

 

Lo stile di consumo

Che cosa mangi? E’ questa la domanda che ti porrà chiunque voglia aiutarti ad acquistare un frigorifero. La tipologia di alimenti che intendi conservare, infatti, dovrebbe orientare la tua scelta. Il motivo di ciò risiede in un semplice fatto: alcuni modelli di frigorifero sono poco adatti a conservare, per lunghi periodi almeno, determinate tipologie di alimento. In linea di massima, ogni frigorifero può valere l’altro, se il tempo di conservazione è minimo. Se questo si protrae, è bene operare una distinzione tra statico, no frost, ventilato.

In parole povere, se acquisti molti cibi freschi come frutta, verdura e carne, faresti bene a prendere in considerazione l’idea di acquistare un frigorifero statico o ventilato. Niente no frost. Perché? Semplice… Quest’ultimo, pur esentando i proprietari dall’obbligo dello sbrinamento, ha livelli di umidità troppo bassi e ciò non è compatibile con una conservazione a lungo termine di cibi freschi. Se invece tendi a consumare molti cibi confezionati, da GDO per intenderci, allora dovresti optare per il no frost.

 

Il congelatore

Una delle domande che dovrai porti è: mi serve un congelatore? Buona parte dei frigoriferi in commercio è “a doppia porta”, quindi combinato. Ha, insomma, sia il frigo che il freezer. Molto spesso, però, questa ultima presenza è inutile. Per esempio, se in casa è già presente un congelatore “a pozzo”. Per intenderci, i congelatori alti circa un metro con una capienza di centinaia di litri.

La presenza del congelatore va presa in considerazione, anche perché il prezzo dei frigo combinati è molto più alto di quello dei frigoriferi monoporta.

 

La classe energetica

I consumi energetici del frigorifero, a differenza di altri elettrodomestici, sono piuttosto prevedibili. Il frigorifero infatti viene sempre lasciato in funzione, quindi l’unico fattore di variabilità risiede nella frequenza con il quale si apre lo sportello. Ovviamente, più si apre lo sportello, maggiori sono i consumi. E’ è possibile stilare una classica dei consumi medi annui in kWH in base alle varie classi energetiche.

Classe

Consumo annuo

A+++

Meno di 188 kWh

A++

188 – 263 kWh

A+

263 – 299 kWh

B

300 – 400 kWh
C

400 – 560 kWh

D

563 – 625 kWh
E

625 – 688 kWh

F

688 – 781 kWh

G

> 781 kWh

 

La rumorosità

Il rumore dei frigoriferi può essere anche molto fastidioso, soprattutto se l’elettrodomestico – quindi la cucina – è posta vicina a zone deputate al relax e al silenzioso, come le camere da letto, lo studio etc. Viene in aiuto l’etichetta presente in ogni frigorifero, che tra le altre cose reca informazioni specifiche e oggettive sulla rumorosità. L’unità di misura è il decibel. Si tenga conto, a tal proposito, che una differenza di 3 decibel determina una variazione del rumore percepito pari al 50%. Un frigorifero molto silenzioso produce, in media, una quarantina di decibel.

 

La capienza

La capienza è un valore importante, forse il più importante, per chi vuole scegliere un frigorifero. Un capienza eccessiva concretizzerà uno spreco non indifferente di denaro, sia sul prezzo dell’elettrodomestico che sul consumo di energia elettrica. Di contro, una capienza insufficiente causerà non pochi problemi e l’impossibilità di conservare quantità di cibo adeguate al proprio stile di consumo.

Quando valuti la capienza di un frigoriferi, devi considerare il numero di persone presenti in casa. Ecco uno schema sintetico e utile.

  • 1 persona: 100 litri.
  • 2 persone: 200 litri.
  • 3 persone: 300 litri.
  • Quatto o più persone: più di 300 litri.

Per intenderci, un frigo dalla capacità di 100 litri è largo circa mezzo metro e alto sui 70 centimetri. Un frigoriferi di oltre 300 litri è largo 60 centimetri e alto 185.

 

Il tipo di installazione

Incasso o libera installazione? Il frigorifero nasce come elettrodomestico a libero installazione ma da qualche decennio si stanno diffondendo quelli a incasso, più adatti alle cucine componibili. Va detto che la questione riguarda esclusivamente la gestione dello spazio, dal momento che non ci sono differenze dal punto di vista delle prestazioni o dei consumi.

Quando dovrai scegliere tra un frigorifero a incasso o a libera installazione, dovrai ragionare sul contesto all’interno del quale l’elettrodomestico verrà posizionato. Se l’arredamento è particolare, spiccato e un “libera installazione” rischia di produrre un impatto negativo, scegline uno a incasso.

 

L’estetica

Il frigorifero può essere considerato un oggetto di arredamento e come tale è sottoposto a valutazioni di tipo estetico. Buona parte delle aziende produttrici mette a disposizione numerosi varianti, sia nel colore che nelle forme. Il frigorifero può essere bianco, color panna e, in rari, di un colore più acceso come il rosso o il blu. Le linee possono essere squadrate oppure, in una prospettiva decisamente vintage, più morbide. Da questo punto di vista, hai l’imbarazzo della scelta, puoi soddisfare tranquillamente i tuoi gusti dal momento che l’estetica non inficia minimamente sulle prestazioni dell’elettrodomestico.

 

Gli accessori interni

Un elemento da prendere in considerazione quando stai scegliendo il frigorifero è la quantità e varietà degli accessori interni, quindi di vaschette, ripiani e altri contenitori. E’ una questione di ordine e di gestione dello spazio. Un frigorifero con una dotazione soddisfacente consente di ottimizzare lo spazio e di sfruttare appieno la capienza del vano. Nei modelli no frost, in particolare, è preferibile la presenza di contenitori per gli alimenti freschi, dal momento che il basso livello di umidità rende difficile la conservazione a lungo termine di frutta e verdura. Molto utile anche i cassettini più piccoli, adatti a contenere burro, formaggini etc.

Prezzo

Consumo annuo No frost Rumore

Capienza

Fascia molto bassa

100-200 euro Meno di 100 euro Raro Da 40 db in su

Fino a 100 litri

Fascia bassa

200-400 euro 100-120 euro 40 db circa

Fino a 300 litri

Fascia media

400-1000 euro 100-120 euro Dai 40 db in giù

Fino a 360 litri

Fascia alta 1000-10.000 euro Dai 120 euro in su Dai 40 db in giù

oltre 360 litri

 

 

I migliori frigoriferi

Il prezzo dei frigoriferi varia in base alle prestazioni e alla capienza. Li abbiamo suddivisi per fascia e individuati i tre migliori in commercio. Infine, abbiamo analizzato quello più economico in assoluto.

 

Il miglior frigorifero di fascia alta: Smeg FAB32

Smeg FAB32RRN1 freestanding 304L A++ Red fridge-freezer - fridge-freezers (Freestanding, Red, Right, 304 L, 328 L, SN-T)
  • Frigorifero combinato anni '50, rosso, 60 cm. Frigorifero Ventilato, Congelatore No-Frost. Classe energetica A++
  • Codice Prodotto: B2_0176183

E’ un frigorifero combinato, quindi è dotato anche di congelatore. Sono quattro i suoi pregi più significativi:

  • E’ no frost, quindi non è necessario sbrinarlo.
  • E’ ventilato
  • Ha una capacità molto grande, pari a 328 litri (di cui 75 litri nel congelatore).
  • Rumorosità pari a 39 decibel

La classe energetica è piuttosto elevata: A++. Ciò determina un costo annuo pari a 150 euro, inferiore alla media dei frigoriferi no frost di queste dimensioni.

Ecco le altre caratteristiche:

  • Dimensioni: 19,2 x 60 x 72 cm
  • Congelamento rapido
  • Display per visualizzare la temperatura interna

La dotazione comprende:

  • 3 ripiani regolabili in cristallo
  • 1 ripiano copriverduriera in cristallo
  • 1 ripiano portabottiglia
  • 1 cassetto per Frutta e Verdura Congelatore

Il prezzo medio al quale è possibile trovare lo Smeg FAB32 è 1.590 euro.

 

Il miglior frigorifero di fascia media: Bosch KGV36VL32S

E’ in frigorifero ottimo, in grado di servire adeguatamente una famiglia numerosa, adatto a qualsiasi tipo di alimento. E’ anch’esso un combinato, quindi è dotato di freezer (posizionato nella parte bassa). Ecco i suoi pregi più importanti.

  • Sistema no frost.
  • Sistema di ventilazione
  • Modalità congelamento intensivo.

Altre caratteristiche sono:

  • Dimensioni 186 x 60 x 65 cm
  • Cerniere reversibili
  • Capacità complessivi di 307 litri
  • Classe energetica A+, il consumo si aggira intorno ai 160 euro all’anno.
  • Rumorosità pari a 41 decibel

Il vano contiene:

  • 1 cassetto con controllo umidità (mantiene fresche frutta e verdura)
  • 4 ripiani in vetro infrangibile di cui 3 ripiani di altezza regolabile
  • Portabottiglie
  • Illuminazione interna a LED

Il prezzo medio del Bosch KGV36VL32S è 580 euro.

 

Il miglior frigorifero di fascia bassa: Indesit TIAA 10 V

E’ un frigorifero combinato moderatamente capiente. Rispetto a molti prodotti della sua fascia presenta:

  • Il sistema no frost, quindi non va sbrinato;
  • Il sistema di ventilazione, dunque la temperatura è omogenea;
  • Velocità di congelamento equiparabile fasce alte.

Ecco le altre caratteristiche:

  • Classe energetica A+, consumo annuo intorno 150 euro
  • Capacità di 251 litri
  • Rumorosità pari a 45 decibel
  • Dimensioni di 150 x 60 x 65,5 cm

La dotazione è composta da

  • 3 ripiani in vetro
  • 3 balconcini controporta

Si può facilmente trovare l’Indesit TIAA 10 V a 300 euro.

 

Il miglior frigorifero di fascia molto bassa: Smeg FD239APS

E’ un frigorifero piccolo, di capienza pari a 101 litri, quindi adatto alle esigenza di una singola persona. Queste le caratteristiche in breve.

  • Raffreddamento statico, quindi il frigorifero va sbrinato regolarmente.
  • Scomparto surgelati. Non è un frigo combinato, tuttavia ha uno spazio in cui la temperatura è molto più bassa e consente il congelamento.
  • Classe energetica A+, il consumo è inferiore ai 100 euro, vista anche la ridotta capienza.
  • Dimensioni pari a 84 x 60 x 54,5 cm.
  • Ha in dotazione 3 ripiani.

Lo Smeg FD239APS si trova facilmente a 200 euro.