I migliori ferri da stiro: guida all’acquisto

Cittashop.it è il portale dedicato a chi sta per acquistare piccoli e grandi elettrodomestici, prodotti per la cura della persona e della casa. All’interno del portale potete trovare consigli per gli acquisti, recensioni di esperti, pareri degli utenti, descrizioni dettagliate dei singoli prodotti. In questo articolo parliamo di un piccolo elettrodomestico di uso comune, presente in (quasi) tutte le case: il ferro da stiro.

 

Che cos’è il ferro da stiro e come funziona

Tutti sanno approssimativamente cosa sia un ferro da stiro. Non tutti però sono a conoscenza del suo meccanismo di funzionamento e ancora meno persone conoscono i criteri per scegliere un buon ferro da stiro. Infatti, per quanto sia di uso comune, spesso si adotta un approccio superficiale alla scelta, che prende in esame un solo fattore: il prezzo. Ovviamente, il prezzo rappresenta un parametro importante, ma non è certo l’unico e nemmeno quello decisivo. Il rischio, quindi, è di acquistare un prodotto sì conveniente, ma che poco si sposa con le proprie esigenze. Nei paragrafi che seguono, dopo una descrizione sommaria di questo piccolo elettrodomestico, forniremo consigli utili per una scelta corretta.

Partiamo dal meccanismo di funzionamento. In realtà, a prescindere dalle varie tipologie in commercio, è abbastanza semplice e ben poco vario. Si articola in tre fasi. La prima consiste nel riscaldamento della piastra per mezzo della corrente elettrica. La seconda consiste nel passaggio dell’acqua dal serbatoio alla camera di vaporizzazione, dove si trasforma appunto in vapore. La terza fase consiste nella fuoriuscita del vapore dai fori presenti nella piastra.

 

Le tipologie di ferro da stiro

In commercio esistono svariate tipologie di ferro da stiro. Le categorie più diffuse, soprattutto al livello domestico, sono due: il ferro da stiro con serbatoio interno e il ferro da stiro con il serbatoio esterno. Prima di elencare i criteri che dovrebbero orientare il processo di scelta, è bene operare un confronto tra queste due tipologie.

La differenza principale tra le due categorie sta, come suggerisce il nome, nel serbatoio. Nel primo caso, esso è interno all’elettrodomestico, che quindi appare come un apparecchio compatto. Nel secondo è esterno, dunque si riempie a parte e si aggancia al corpo principale in un secondo momento. Questa differenza produce un impatto significativo sull’esperienza d’uso.

Capacità. E’ logico: se il serbatoio è integrato, è giocoforza più piccolo. Dunque, è questa il primo terreno di differenziazione: i ferri da stiro con serbatoio interno sono molto meno capienti dei ferri da stiro con serbatoio esterno. I primi possono contenere al massimo 300 ml di acqua, i secondi superano quasi sempre il litro. Ciò genera conseguenze importanti per ciò che concerne l’autonomia: i ferri da stiro con serbatoio interno “durano” circa mezz’ora, i ferri da stiro con serbatoio esterno anche due o tre. Una differenza, questa, che si fa sentire se si vive in una famiglia numerosa e i panni da stirare sono tanti.

Efficacia. Anche in questo caso a vincere la sfida sono i ferri da stiro con serbatoio esterno. In questi modelli, infatti, viene riservato molto spazio alla camera di vaporizzazione, e ciò consente di produrre vapore più caldo e abbondante. La stiratura, dunque, risulta più efficace. Non che i ferri da stiro con serbatoio interno siano poco efficaci, ma certo si apprezza una differenza significativa nelle prestazioni.

Maneggevolezza. I ferri da stiro con serbatoio interno solo più leggeri rispetto a quelli con serbatoio esterno. Dunque, almeno in linea teorica, sono più semplici da maneggiare. Questo vantaggio, c’è da dire, sbiadisce se si considera la questione delle prestazioni: la variante con serbatoio interno, infatti, richiede l’esercizio di una pressione maggiore sui panni in quanto il vapore, come abbiamo visto nel capoverso precedente, ha una qualità “minore”.

Altre tipologie di ferro da stiro

Oltre al ferro da stiro con e senza serbatoio ne esistono altre, meno diffuse o riservate a contesti specifici.

Ferro da stiro da viaggio. Questa tipologia si caratterizza per le dimensioni ridotte, per la presenza di un manico pieghevole (in modo che possa facilmente essere riposto in valigia) e da una potenza limitata. Come suggerisce il nome, è indicato per chi viaggia spesso.

Ferro da stiro senza filo. Apparecchio diffuso, consente di stirare senza l’impaccio del filo. La potenza è di poco inferiore ai modelli classici, il prezzo però è maggiore. Per il resto, non si apprezzano differenze di sorta.

Ferro da stiro verticale. Tipologia di ultima generazione, propone una modalità di stiro molto particolare, senz’altro innovativa. I vestiti si poggiano non su un piano bensì per terra (protetti ovviamente dalla sporcizia). Il manico estremamente lungo, simile a quello di una scopa, consente di stirare senza fatica. Il prezzo è accessibile.

 

Come scegliere il ferro da stiro

Sono numerosi i parametri che vanno considerati quando si sceglie un ferro da stiro. Ecco i più importanti.

Capacità

Come abbiamo spiegato nel paragrafo precedente, la capacità dipende essenzialmente dalla tipologia di ferro da stiro, benché si apprezzino differenze anche tra un modello e l’altro della medesima categoria. In linea di massima, l’approccio da adottare dovrebbe essere il seguente:

Se vivete da soli, o all’interno di un nucleo familiare composto da poche persone, potete optare per capacità ridotte, quindi per i ferri da stiro con serbatoio interno.

Se vivete all’interno di un nucleo familiare molto grande, e la quantità di panni da stirare è rilevante, dovreste rivolgervi a ferri da stiro con capacità significative, mai inferiori al litro, e dunque alla tipologia con serbatoio esterno.

Design

Il design non è una questione estetica, non in questo caso. Anzi, da esso, se si parla di ferro da stiro, dipende l’esperienza d’uso nel suo complesso. In estrema sintesi, è bene dirigersi verso prodotti che vantino due caratteristiche: una forma ergonomica e un peso ridotto. La forma ergonomica, soprattutto per ciò che concerne l’impugnatura, consente un utilizzo prolungato e meno faticoso del previsto. Il peso… Idem.

Ovviamente, alcune tipologie, per quanto possano esprimere una adeguata ergonomia, sono pesanti sempre e comunque. Il riferimento è alla già citata categoria dei ferri da stiro con serbatoio esterno.

Modalità di erogazione del vapore

Quando si parla di erogazione del valore, vanno monitorati o comunque analizzati, due diversi parametri.

Quantità di vapore. I valori sono espressi in “grammi al minuto”. Ovviamente, maggiori sono serbatoio e camera di vaporizzazione, maggiore sarà la quantità di vapore erogato. Il valore di base, al di sotto è bene non scendere mai, è 30 grammi al minuto.

Livelli di potenza. I ferri da stiro più performanti vantano due livelli di potenza: uno medio e uno elevato (e dalla durata circoscritta). E’ bene scegliere modelli caratterizzati da questo elemento se si suole stirare panni particolarmente difficili.

Alcuni ferri da stiro, poi, prevedono una erogazione verticale del vapore. Questa funzione è utile soprattutto quando si devono stirare tessuti che difficilmente possono essere posizionati sul piano di stiro, e che quindi andrebbero tenuti in posizione verticale (es. le tende).

Gestione dell’acqua

Altro criterio molto importante. Affinché un ferro da stira possa dirsi caratterizzato da una efficace gestione dell’acqua, è necessario che siano presenti due funzioni.

Anticalcalcare. Questa funzione consente di prevenire la formazione di calcare. E’ una funzione utile in quanto il calcare rovina lo strumento e alla lunga anche i panni, e perché consente, all’occorrenza, di utilizzare l’acqua del rubinetto e non necessariamente la più costosa acqua distillata.

Antigoccia. Alcuni modelli vantano una funzione che riduce enormemente la comparsa di gocce sulla piastra. Anche questa è una funzione molto utile in quanto impedisce che i vestiti si bagnino, eventualità che può interferire nel processo di stiratura e rovinare i capi più delicati.

Prestazioni energetiche

Questo è un parametro che agisce su due fronti: da un lato l’efficacia, dall’altro la spesa. Se un ferro da stiro è molto potente, ed esprimere una potenza di parecchi Watt, allora consumerà di più e tali consumi genereranno un impatto negativo sulla bolletta.

Occorre trovare una via di mezzo. Questa può essere rintracciata nei ferri da stiro di potenza pari a 2000 W, che sono abbastanza potenti da favorire l’ambito domestico ma allo stesso tempo non consumano molto.

Gli apparecchi più performanti, comunque, vantano la dicitura “ECO”, dunque sono in grado di coniugare prestazioni elevate e consumi ridotti.

Materiali della piastra

Il materiale che compone la piastra è importante in quanto determina il modo con cui il calore viene distribuito e la scorrevolezza dell’elettrodomestico sui tessuti. Ecco le principali alternative.

Acciaio. E’ il materiale più utilizzato. Ha un’ottima resa dal punto di vista termico, è resistente  e garantisce una distribuzione mediamente omogenea del calore. Tuttavia, consente l’applicazione di un numero ristretto di fori.

Alluminio. Meno fluido dell’acciaio, è altrettanto efficace sul piano termico ma, in compenso, consente l’applicazione di un numero maggiore di fori.

Teflon. Meno resistente dell’acciaio e dell’alluminio, vanta però una scorrevolezza superiore a tutti gli altri materiali. Buona anche la resa termica.

Ceramica. E’ il materiale migliore per stirare i capi più delicati, in quanto consente una distribuzione perfettamente omogenea del calore. Di contro, ha una resa termica appena sufficiente.

Prezzo

Il prezzo è un parametro, come sempre, da prendere seriamente in considerazione. Le difficoltà, da questo punto di vista, sono determinate dall’incredibile eterogeneità dei prezzi. Essi oscillano tra 60 e 400 euro (senza considerare i ferri da stiro professionali). Dunque, prima ancora di studiare i vari criteri, è bene fare il punto sul proprio budget. Il consiglio è di ricercare la via di mezzo tra la necessità di spendere poco (o il giusto) e la volontà di godere di un ferro da stiro potente, o adatto alle proprie esigenze.

 

La tabella dei prezzi

Prezzo
Ferro da stiro con serbatoio internoda 40 a 250 euro
Ferro da stiro con serbatoio esternoda 120 a 400 euro
Ferro da stiro da viaggioda 30 a 70 euro
Ferro da stiro senza filoda 250 a 500 euro
Ferro da stiro verticaleda 200 a 400 euro

 

I migliori ferri da stiro

L’offerta è molto abbondante, dunque non è facile destreggiarsi in sede di acquisto. Qui proponiamo quattro modelli, afferenti ad entrambe le tipologie.

Il miglior ferro da stiro con serbatoio esterno: Rowenta DG8960

Offerta
Rowenta DG8960 Silence Steam Ferro da Stiro a Caldaia Silenziosa ad Alta Pressione, Getto di Vapore 260 g/min
  • Caldaia silenziosa con autonomia illimitata e serbatoio estraibile
  • Pressione: 6 bar
  • Supervapore 260 g/min
  • Vapore variabile 0-120 g/min
  • Ecologica

Il Rowenta DG8960 è con tutta probabilità il miglior ferro da stiro con serbatoio esterno in circolazione. Per giunta, nonostante le elevatissime prestazioni e la praticità d’uso che può vantare, costa relativamente poco. Ecco alcune delle caratteristiche che lo contraddistinguono.

  • Qualità del vapore. Il vapore viene emesso a una pressione pari a 6 bar, più che sufficiente per garantire una stiratura efficiente e veloce, in una prospettiva di massima sicurezza.
  • Quantità del vapore. Rowenta DG8960 emette vapore in quantità superiore non solo ai ferri da stiro con serbatoio interno ma anche alla maggior parte dei ferri da stiro con serbatoio esterno. I dati parlano chiaro: l’emissione è pari a 120-260 grammi per minuto.
  • Doppia potenza. E’ possibile scegliere tra un livello di potenza medio e il classico “colpo di valore”. In quest’ultimo caso il dispositivo emette 120 grammi di vapore al minuto.  
  • Piastra intelligente. La piastra è in acciaio, ma ciononostante è dotata di un numero di fori estremamente alto: 400. Dunque, Rowenta DG8960 è in grado di produrre vapore di qualità.
  • Risparmio energetico. Nonostante i suoi 2400 W di potenza, Rowenta DG8960 vanta consumi molto ridotti.
  • Bassa rumorosità. A differenza della maggior parte dei ferri da stiro (di entrambe le tipologie) Rowenta DG8960 produce pochissimo rumore. Dunque, può essere utilizzato per lunghi periodi di tempo senza avvertire fastidio… Acustico.

 

Il ferro da stiro con serbatoio esterno dal miglior rapporto qualità prezzo: De Longhi PRO1847

Offerta
De'Longhi PRO1847 Stirella Ferro da Stiro con Caldaia a Carica Continua, 800 W Ferro, 1400 W Caldaia
  • Il sistema si imposta automaticamente nella modalità Optimal Steam
  • Accesso facilitato all'interno della caldaia per le operazioni di pulizia
  • Piastra esterna con rivestimento ceramico per avere un'uniforme distribuzione del calore

Il De Longhi PRO1847 è un ferro da stiro con serbatoio esterno di ultima generazione. Vanta prestazioni molto elevate, ma ciononostante viene proposto a un prezzo molto accessibile, quasi irrisorio. Ecco alcune delle caratteristiche che hanno decretato il successo di De Longhi PRO1847.

  • Potenza. Questo ferro da stiro vanta una potenza eccezionale, superiore alla maggior parte dei prodotti in circolazione: 2200 W. Ciononostante, i consumi energetici sono piuttosto bassi.
  • Quantità di vapore. Come da tradizione per i ferri da stiro con serbatoio esterno, De Longhi PRO1847 produce vapore in quantità rilevante. Nello specifico, arriva fino a 120 grammi al minuto.
  • Qualità del vapore. Il vapore viene generato, nella relativa camera di vaporizzazione, a una pressione di 6 bar, più che sufficiente per ottimizzare e rendere ancora più efficace il processo di stiratura.
  • Funzione anticalcare. Il serbatoio è dotato di un filtro anticalcalcare. Dunque previene la formazione del calcare, preservando l’integrità dell’apparecchio ed evitando danni ai tessuti.
  • Ampia capacità. Il serbatoio è molto ampio, più ampio anche della maggior parte dei ferri da stiro con serbatoio esterno. La capienza, nello specifico, di pari a 1.1 litri.
  • Erogazione verticale. Il getto di vapore può essere impostato in senso verticale. Funzione, questa, molto utile per stirare tessuti molto grandi, che non entrerebbero nel piano di stiro.

 

Il miglior ferro da stiro con serbatoio interno: Rowenta DW6020 Eco Intelligent

Offerta
Rowenta DW6020 Eco Intelligent Ferro da Stiro a Vapore, Potenza 2400 W, Verde/Bianco
  • Potenza: 2400 W
  • Piastra Microsteam 400
  • Tecnologia Eco Intelligence
  • Punta ad alta precisione
  • Capacità serbatoio acqua: 300 ml

Il Rowenta DW6020 Eco Intelligent è un ferro da stiro con serbatoio interno dalle prestazioni eccellenti, paragonabili ai migliori apparecchi con serbatoio esterno. Ciò risulta evidente alla prova d’uso ma anche alla semplice lettura delle caratteristiche tecniche. Ecco gli elementi che fanno di Rowenta DW6020 Eco Intelligent un ottimo ferro da stiro.

  • Tecnologia Microsteam 300 3D. Questa tecnologia coniuga massima efficienza e bassi consumi. In particolare, a parità di prestazioni, si apprezza una riduzione dei consumi pari al 30%.
  • Potenza estrema. A differenza di molti ferri da stiro, anche di fascia più elevata, Rowenta DW6020 Eco Intelligent vanta una potenza davvero elevata, pari a 2400 W. Praticamente il massimo a cui un ferro da stiro può aspirare.
  • Doppia potenza. L’apparecchio può essere utilizzato in modalità “normale” o in modalità “colpo di valore”. Nel primo caso, vengono emessi 50 grammi di vapore al minuto. Nel secondo caso, addirittura 120 grammi.
  • Dispositivi di sicurezza. Il ferro da stiro entra in modalità standby, dunque riduce la temperatura dell’acqua, se rimane inattivo per più di 8 minuti. Una garanzia per la sicurezza ma anche in una prospettiva di risparmio energetico.
  • Ampia capacità. Il serbatoio è in grado di contenere 300 ml. Una capienza, questa, di molto inferiore ai serbatoi esterni, ma di tutto rispetto se si considera che è integrato all’interno del dispositivo.
  • Funzione anticalcare. Tale funzione impedisce la formazione del calcare all’interno del serbatoio. In questo modo il dispositivo viene preservato dal rischio usura e viene limitato il rischio di danneggiamento dei tessuti.
  • Funzione antigoccia. Grazie a questa funzione, viene limitata il passaggio dell’acqua allo stato liquido alla piastra. In questo modo, il rischio di danneggiare i tessuti si riduce in maniera significativa.
  • Emissione verticale. All’occorrenza, Rowenta DW6020 Eco Intelligent emette un getto verticale, utile quando si deve stirare un tessuto molto grande, quasi impossibile da poggiare nel piano di stiro.

 

Il ferro da stiro con serbatoio interno dal miglior rapporto qualità-prezzo: Russell Hobbs Steamglide Professional

Offerta
Russell Hobbs 20562-56 Ferro da Stiro, 2600 Watt, Acciaio Inossidabile, Bianco/Blu
  • Piastra in ceramica
  • Vapore contenuto: 40 g
  • Serbatoio da 300 ml
  • Funzione Self Clean
  • Tasti e manico soft touch

Con tutta probabilità, Russell Hobbs Steamglide Professional è tra i ferri da stiro che costano di meno in assoluto. E’ possibile acquistarlo con pochissime decine di euro. Ciò non significa, però, che non sia in grado di produrre buone prestazioni, anzi. Ecco alcune caratteristiche che rendono  Russell Hobbs Steamglide Professional, a dispetto del prezzo, un ottimo ferro da stiro.

  • Piastra in ceramica. Questo materiale, a differenza dell’acciaio e dell’alluminio, consente una distribuzione omogenea del calore. In tal modo, viene limitato il rischio di danneggiare i panni per eccesso di calore.
  • Funzione vapore verticale. Russell Hobbs Steamglide Professional emette, all’occorrenza, un getto di vapore verticale, molto utile quando si sta per stirare un tessuto molto grande (es. una tenda).
  • Funzione antigoccia. L’acqua non raggiunge mai la piastra, in questo modo i vestiti, anche nelle fasi di stiramento più concitate, rimangono sempre asciutti.
  • Quantità di vapore. Russell Hobbs Steamglide Professional emette fino a 40 grammi di vapore al minuto in condizioni normali e fino al 140 grammi di vapore al minuti in modalità “colpo di vapore”.
  • Doppia potenza. E’ possibile scegliere tra due livelli di potenza. Quello più alto, dalla durata limitata, è utile per stirare vestiti particolarmente stropicciati o dai tessuti particolari.
  • Ampia capacità. Il serbatoio ha una capienza pari a 300 ml, più che sufficienti per determinare un utilizzo intensivo di almeno trenta minuti.
  • Design intelligente. Le forme sono ergonomiche, i materiali resistenti ma allo stesso tempo morbidi al tatto. Insomma, Russell Hobbs Steamglide Professional si utilizza con estrema facilità e senza fatica.